I Consigli di Culto – XVII

Benvenuti cari cultisti ad un nuovo appuntamento, dopo diverso tempo, con I Consigli di Culto Underground! Andiamo subito a vedere le opere consigliate questa settimana!

La storia dei tre Adolf di Osamu Tezuka

Di alcune opere di Tezuka abbiamo già parlato nel corso di alcune recensioni (vi ricordo quelle riguardanti Budda e La Cronaca Degli Insetti Umani, ma anche il riferimento all’autore in quella di Pluto di Naoki Urasawa). La storia inizia nel 1936, ripercorre tutto il periodo del secondo conflitto mondiale e ruota attorno ad un documento che proverebbe le origini ebraiche di Hitler e alle avventure di due ragazzi che condividono il nome col dittatore. Osservatore attivo di tutto questo è Sohei Toge, giornalista che si troverà suo malgrado coinvolto nella vicenda, oltre che nella guerra. Il manga è anche arricchito, alla fine di ogni parte, di un glossario che ripercorre le vicende del Giappone, dalla presa di potere del regime vicino al nazismo fino alla fine della guerra. Insomma un manga che, oltre alla potenza di storia e personaggi, ci dona un ottimo contesto storia. Una pietra miliare del genere fumettistico da non perdere!

Shadow Warrior (1997)

Fps in finto 3D del 1997, Shadow Warrior ci mette nei panni di Lo Wang, ninjia e guardia del corpo presso la Zilla Enterprises. Il protagonista scoprirà che il capo della compagnia Master Zilla è intenzionato a conquistare il Giappone usando metodi oscuri e demoni. Questo lo porterà alle dimissioni e all’inevitabile scontro con l’associazione per la quale lavorava. Il gioco, intriso di ironia e splatter vecchio stile, si rivela molto divertente ed immediato. Al massacro di orde di mostri con svariati tipi di armi (si passa dalla katana all’uzi, dal lanciarazzi a vari tipi di armi di stampo mistico o sci-fi) alla risoluzione di semplici enigmi che donano al gioco una buona varietà di esperienza. Nel 2013 ne è stato fatto un remake che riesce a rendere onore allo stile del gioco d’origine e che vi consiglio di provare!

Il Mondo Sommerso di J.G. Ballard

Conosciuto in Italia anche col titolo de Il Deserto d’acqua, Il Mondo Sommerso è un romanzo di J.G. Ballard del 1962. L’autore, conosciuto ai più per Il Condominio, la sua opera più famosa, ci presenta in questo romanzo un mondo post apocalittico in cui le calotte polari si sono sciolte e buona parte del mondo è, ormai, una specie di zona lagunare e tropicale nel quale le temperature si alzano costantemente. Una tematica interessante già si per se considerando che quando è stato scritto la tematica del riscaldamento globale non era centrale come lo è negli ultimi anni. Ma il dato davvero interessante sta nel fatto che il protagonista al posto di essere terrorizzato da questo nuovo mondo ne viene rapito, adattandosi ad esso tanto da influenzare facendolo il suo modo di vivere e, sopratutto, di pensare. Sicuramente un’opera apprezzabile sotto tutti i punti di vista, da quello della scrittura fino a quello del trattamento di personaggi e tematiche. Da non perdere!

Nemo

Nemo è un ragazzo di 24 anni che studia al Dams di Udine che ha sede nella sua città natale, Gorizia. Si interessa sopratutto di film e fumetti e ascolta anche musica spaziando quando capita tra vari generi. Conosce Sagana e dopo qualche tempo decidono di cercare, stavolta assieme, di ridare lustro al blog di Culto Underground per salvare un buon progetto dalla decadenza e rimetterlo sui giusti binari