News: Le nostre impressioni sulla demo di King of Fighters XIV

King of Fightes XIV cover

Bentornati cultisti! Oggi si parla di videogiochi, perchè se è vero che su culto underground amiamo parlare di tutto ciò che è sconosciuto, sottovalutato o semplicemente dimenticato, è vero anche che siamo degli incredibili nerd!

Vi proponiamo quindi una nuova rubrica, incentrata sui videogiochi moderni dedicata a tutti coloro che come noi, amano questo media 😉

Passiamo ordunque alle cose importanto, ovvero, la demo presente sul playstation store di King of Fighters XIV in uscita ad agosto. La demo di KoF XIV ci proponeva alcune modalità in anteprima, il versus contro altri giocatori o contro il pc, in formazione da tre o uno contro uno, la modalità d’allenamento e la modalità tutorial.

Luca

Devo ammettere che non sono mai stato un grande fruitore dei giochi della SNK. Ho potuto provare soltato uno dei primi capitoli di KoF ed il penultimo uscito. Questo demo dimostra dei dati positivi che tuttavia non sono riusciti a convincermi pienamente, rispetto ai miei gusti sul genere. Nonostante la grafica sia gradevole e moderna ed il gioco riesca ad apparire divertente. Ho notato che l’attitudine arcade old school è stata sostituita a favore di un modello di gioco più moderno, impostato sul modello di Tekken. Pertanto sia l’esperienza in singolo che in multigiocatore non è stata completamente soddisfacente, per via della mia abitudine ad un tipo di gioco più spettacolare in cui le mosse speciali si riescono ad eseguire più agilmente.

Concludendo, una demo con soli sette personaggi giocabili e tre modalità non propone abbastanza per giudicare il titolo con obbiettività, tuttavia i preamboli ci mostrano un gioco che nel tentativo di rinnovarsi a mio avviso ha perso un po’ dell’originalità che l’ha sempre distinto.

Sagana

Dopo aver costretto l’amico Nemo a scaricare la demo di KoF XIV, ed averla testata in ogni sua modalità con la perizia che solo due nerd del nostro calibro possono dismostrare, sono giunto alle seguenti conclusioni. Sebbene dal punto vista grafico, il titolo si dimostri moderno, il distacco dallo stile precedente è forse troppo evidente e forzato. I personaggi spiccano troppo rispetto allo sfondo, dando l’impressione di un lavoro realizzato frettolosamente. Il sistema di combattimento invece, mi è parso rallentato, ma al contempo semplificato. Gli scontri non appariranno immediatamente spettacolari, come accadeva nel capitolo precedente, ma con un po’ di pratica, si potranno raggiungere gli stessi livelli. Forse in tal senso, il titolo è divenuto più tecnico, lasciando spazio alla tattica ed alla possibilità di riflettere qualche secondo dopo ogni mossa, a differenza di titoli come Street Figther IV.

In conclusione, la demo mi è piaciuta, ho trovato la modalità versus divertente e adeguata ai titoli più recenti, con un rooster di personaggi ampio ed interessante.

 

 

Sagana

Sagana è creatore e autore del progetto Culto Underground. Appassionato di musica, film, fumetti, videogiochi e tutta l'arte underground, nel 2008 inizia il progetto zeitgeist, predecessore di C.U. che si conclude nel 2011 per ragioni personali. Un paio di anni dopo ricomincia con spirito nuovo e con il nuovissimo collaboratore Nemo, che lo spinge a riesumare il progetto!

Latest posts by Sagana (see all)