Recensione: We’re Back – Violent Shit

10505578_612436955555772_5489170171762584017_n

 

Bentornati cultisti ad una nuova recensione del Sagana! Quest’oggi abbiamo con noi i Violent Shit, gruppo di Giorgio Credaro e Cesare Sannino (personaggio conosciuto dai cultisti più assidui) con il loro ultimo Ep Speed Thrash: We’re Back!

 

La band

Giorgio Credaro (Il lato positivo della sfera) e Cesare Sannino (Animae Capronii –> Trust Your Heart) si conoscono nel 2007 e dopo aver scoperto una passione comune per la musica dura e i film trash e splatter decidono di creare un nuovo progetto che unisca tali passioni, così nascono i Violent Shit.
Già dal nome, che tra ispirazione dal film trash di Andreas Schnass possiamo capire lo stile della band e le loro tematiche ironiche che richiamano un po’ i temi del thrash anni ’80 più scanzonato.
A livello di genere i Violent shit mutano nel corso degli anni e dei dischi dal Death Metal al power thrash allo Speed Thrash attuale. Al momento la band sta registrando un nuovo disco “M.O.S.H.” che comprende anche un nuovo componente, il bassista Paolo.

 

L’ep

Il cd di cui andremo oggi a parlare è We’re Back, ep del 2014 e si compone di otto tracce comprensive di un intro e della ost di FROGODILE, corto amatoriale girato da Girato da Giorgio Credaro sempre sui temi cari alla band.
We’re Back rappresenta il miglior prodotto finora prodotto dalla band lombarda. L’uso della drum machine è impercettibile, e lo stile generale richiama il thrash più old school che si possa immaginare, dimostrando che la band e i suoi componenti hanno maturato uno stile riconoscibile anche grazie ai loro progetti principali.
Subito dopo l’intro troviamo la title track We’re back, traccia godibile dalle influenze che vanno dall’epic all’heavy classico, The Triple FuKK Menace è una rapida escursione nel thrash metal dalle influenze germaniche, mentre Sadistik Realm of dr. android par esser uscita dalle menti congiunte dei vecchi Judas Priest e Annihilator.  Destruyendo Budellas, cantanta in spagnolo, ricorda la più ironica scena del Thrash Messicano mentre Forbidden Sphinx torna sui toni della seconda traccia, e Trash Trolls Rock ‘n’ Roll con l’intro di Troll 2 preannuncia la fine del disco che si conclude con FROGODILE ost sopracitata del corto e unica canzone ad avere un testo italiano.

 

Conclusioni

Consigliamo assolutamente di ascoltare i lavori dei Violent Shit, soprattutto questo We’re Back e il precedente album Dawn of Violent Trash anchesso valido a tutti i fan dello speed thrash alla vecchia e ai fan delle tematiche proposte dalla band!

Voto: 7 / 10

Sagana

Sagana è creatore e autore del progetto Culto Underground. Appassionato di musica, film, fumetti, videogiochi e tutta l'arte underground, nel 2008 inizia il progetto zeitgeist, predecessore di C.U. che si conclude nel 2011 per ragioni personali. Un paio di anni dopo ricomincia con spirito nuovo e con il nuovissimo collaboratore Nemo, che lo spinge a riesumare il progetto!