Recensione: Blauss – Sudden Step (2016)

Foto dei Blauss
Blauss in concerto

Un cordiale bentornato a tutti i nostri affezionatissimi lettori e anche a coloro che approcciano per la prima volta alla pagina di Culto Underground. Come ogni venerdì che si rispetti, è online una nuova recensione e questa volta andremo a scoprire insieme “Sudden Step“, il primo lavoro del duo dream pop Blauss.

La band

I Blauss sono un duo proveniente direttamente dalla capitale d’Italia ed è formato da Mattia Schroeder (corde e percussioni) e Ilaria Paladino (voce). Propongono un pop ricco di sfumature, con una personalità molto decisa, soprattutto per quanto riguarda il songwriting e le influenze da cui si sono ispirati per realizzare gli otto brani del disco.

Il disco

Sudden Step inizia con “POW“, in cui la voce suadente di Ilaria si intreccia a ripetizione con il riff deciso e accattivante della chitarra, fino a creare una melodia unica e incantata. Il flusso onirico continua sicuro e inspirato anche in “Hollow“, poi prende una piega più sognante in “A While Ago“, che a tratti ricorda Everlong dei Foo Fighters. La quarta traccia è intitolata “Mao“, la chitarra è decisamente più graffiante rispetto ai brani ascoltati in precedenza e nel mentre la voce finisce col dissolversi in lontananza. Delicatezza e tranquillità caratterizzano “Nippon“, in “All the same” invece, grazie all’uso sapiente di distorsioni e di ritmiche più cadenzate, si palesa il carattere più aggressivo e sfacciato del duetto romano. Sicuramente il più originale di tutto il disco. Con “Rust” ci tuffiamo nuovamente nelle atmosfere minimali e sognanti che contraddistinguono Sudden Step, salvo poi accennare lievemente ad atmosfere più cupe e riflessive con “Thump“.

Contatti

Bandcampo Blauss

Facebook Blauss

Soundcloud Blauss

Follow me

Andrea Tomasella

Laureato in Sociologia per il Territorio e lo Sviluppo all’Università di Trieste, è referente del Gruppo Comunicazione del Punto Giovani di Gorizia. Scrive per la webzine di arte underground “Culto Underground”, collabora con il mensile di promozione sociale "Social News" e con il settimanale sportivo "City Sport". Attraverso il suo blog si racconta ed esprime opinioni (sempre personali).
Follow me