Recensione: Brilla – Brilla (2016)

andrea brilla cantautore italiano
Andrea Brilla con la chitarra

Carissime lettrici e lettori di Culto Underground, una nuova recensione musicale vi terrà compagnia anche in questo quarto venerdì di marzo. Questa settimana vi parliamo di Andrea Brilla e del suo EP omonimo “Brilla”, continuate a leggere la nostra recensione per sapere tutte le nostre impressioni a riguardo.

L’artista

Andrea Brilla nasce a Imperia ma passa l’infanzia e l’adolescenza a Firenze, infine si trasferisce a San Bartolomeo al Mare. Nonostante i tanti spostamenti fra Liguria e Toscana ascolta sempre musica, dischi e cassette, e si innamora della poetica di Lucio Battisti. Adora portare la sua musica “live” in solo – chitarra, gran cassa e voce – o con la band – chitarra acustica, elettrica e batteria. Il 15 novembre 2016 è uscito il suo primo EP “Brilla”.

Il disco

“Agapornis” è un ottimo assaggio di ciò che Brilla ci racconterà nel corso del suo lavoro, un amabile canzone che scorre lineare e sincera, senza per questo risultare banale o scontata. Fra l’altro “Agapornis” è anche un genere di uccelli molto diffuso in africa, comunemente detti pappagallini “inseparabili”, ed è proprio sul nome di questi volatili che Brilla ha giocato: inseparabili, almeno quanto l’artista dalla sua musica. Forse Martin Scorsese avrebbe piacere di ascoltare “Hugo Cabret”, la seconda traccia dell’EP è un chiaro viaggio nell’omonimo film del 2011 (con tanto di dialogo tratto dalla pellicola e inserito nella fase conclusiva della canzone).

“Qui con te” è un brano più classico rispetto al precedente e riporta il mood dell’EP su dei binari da cui l’artista non si discosterà più di tanto, musica e testi procedono a braccetto connotando uno dei tratti distintivi di “Brilla”: la sua autenticità. Il brano più ispirato dell’intero EP è certamente “Il surgelatore”, non che gli altri brani suonino meno bene ma nella penultima traccia l’autore fa vibrare corde ancora inascoltate. Chiude l’EP “25 aprile”, un inteso viaggio fra colori, odori, sapori ed esperienze che descrivono astrattamente alcuni dei momenti più intesi della vita del cantante.

Contatti

Facebook: www.facebook.com/Brilla.zone

Ufficio stampa: www.astarteagency.it

Se ti è piaciuta la recensione condividila con tutti i tuoi amici e lascia un commento per farci sapere cosa ne pensi, sarà un grande aiuto per contribuire a far crescere la comunità di Culto Underground! Metti “Mi piace” alla nostra pagina Facebook: www.facebook.com/cultounderground

Follow me

Andrea Tomasella

Laureato in Sociologia per il Territorio e lo Sviluppo all’Università di Trieste, è referente del Gruppo Comunicazione del Punto Giovani di Gorizia. Scrive per la webzine di arte underground “Culto Underground”, collabora con il mensile di promozione sociale "Social News" e con il settimanale sportivo "City Sport". Attraverso il suo blog si racconta ed esprime opinioni (sempre personali).
Follow me