Recensione: DjurDjura – Asirem (1980)

 

Djur Djura foto

DjurDjura – Asirem

Bentornati Cultisti! Quest’oggi parliamo di una all-Woman-band algerina tutta da scoprire, entrate con noi nel mondo delle DjurDjura con Asirem!

Le autrici

Le DjurDjura sono state una band femminile algerina di musica tradizionale berbera. Composte da Djourha alla voce, Fatima e Djamila ai cori e agli strumenti tradizionali, la band prende il nome dall’omonima catena montuosa della regione di Kabyle ricca di importanza storica per l’Algeria.

Il trio ha avuto un discreto successo in Francia sicché la musica algerina, soprattutto quella berbera di Kabyle era famosa nei bar Francesi già dal 1930.

Djourha finirà poi per trasferirsi in Francia per tentare la carriera di scrittrice e regista, nel tentativo di portare avanti le sue iniziative a favore dell’emancipazione della donna araba.
Questo e altre problematiche più famigliari porteranno le tre ragazze a dividersi e già dal 1986 Djourha prende le redini del gruppo usando il proprio nome per rappresentare la sua musica e il suo ideale che può essere rappresentato dallo storico slogan della band: “Noi cantiamo ad alta voce ciò che le nostre madri canticchiavano sommessamente”.

L’opera

Asirem può essere riassunto come un disco di musica tradizionale che combatte le tradizioni.
Le voci delle tre dame portano avanti con prepotente femminilità gli ideali del gruppo. I tamburelli, i flauti e le cornamuse della tradizione vengono affiancati a strumenti più occidentali come a voler portare una ventata di novità, un messaggio di accettata diversità.

A livello prettamente musicale le canzoni hanno una forte impronta folk che può rappresentare un ostacolo per molti all’ascolto, mentre per chi in certi campi si diletta ivi troverà un disco insolito e piacevolmente vario, tra canti e danze, ma anche malinconici paesaggi di un luogo e una vita distante dalla nostra.

La voce di Djourha ancora acerba in questo lavoro, dimostra comunque le grandi potenziali che svilupperà poi con gli anni, anche se la giovinezza del timbro e la spensieratezza del tono qui incisi non vanno sottovalutati in bellezza ed espressione.

Sagana

Sagana è creatore e autore del progetto Culto Underground. Appassionato di musica, film, fumetti, videogiochi e tutta l'arte underground, nel 2008 inizia il progetto zeitgeist, predecessore di C.U. che si conclude nel 2011 per ragioni personali. Un paio di anni dopo ricomincia con spirito nuovo e con il nuovissimo collaboratore Nemo, che lo spinge a riesumare il progetto!

Latest posts by Sagana (see all)