Recensione: Doppia Immagine Nello Spazio (1969)

doppia_immagine_nello_spazio_1969Bentornati cari cultisti ad una nuova recensione di Culto Underground! Oggi voglio torniamo nel fantastico mondo dello sci-fi per un film molto interessante ma non troppo conosciuto al di fuori degli appassionati del genere: Doppia Immagine Nello Spazio (in originale Doppelganger, Journey to the Far Side of the Sun) film del 1969 diretto da Robert Parrish.

Robert Parrish

Robert Parrish, nato nel 1916 a Columbus, inizia la sua carriera come comparsa in un film di rilievo come Luci Della Città di Charlie Chaplin. La sua carriera di attore tuttavia non è molto fortunata ed il giovane Robert si trova più volte coinvolto in parti secondarie o di camei non accreditati. Queste vicissitudini lo portano a prendere la via del montatore, mestiere in cui si rivela tanto bravo da vincere l’oscar al montaggio con Anima e Corpo (1947, di Robert Rossen) e ad essere candidato per il medesimo premio per Tutti gli Uomini del Re (1949, sempre di Robert Rossen). Il 1951 segna il suo debutto alla regia con Nei Bassifondi di Los Angeles e poco tempo dopo con Luci Sull’Asfalto, due noir che ebbero un buon riscontro all’interno del loro ambito. Negli anni successivi gira diversi film i cui più famosi sono Lo Sperone Insanguinato e Il Meraviglioso Paese (entrambi film interessanti sia a livello di scelte registiche e che per andamento della trama). Parrish si rivela un regista che cerca, anche se con altalenanti risultati di provare diversi generi, passando dal noir alla commedia alla fantascienza. Nel 1984, a dieci anni dal suo ultimo film (Contratto Marsigliese) esce con il film documentario Mississipi Blues, di cui è protagonista assieme al collega Bertrand Taverner e che racconta il loro viaggio lungo il Mississipi e mostrando un mondo già influenzato dalla logica consumistica di fast food e macchinette per il cibo. Dopo questo film si ritira e vita privata. Morirà nel 1995 a Southampton.

Doppia Immagine nello Spazio

Doppia Immagine nello Spazio racconta le vicende Glenn Ross esperto astronauta che viene mandato dall’agenzia spaziale europea EUROSEC alla volta di un nuovo pianeta scoperto dalla sonda automatica Sun Probe all’interno del sistema solare. Dopo tre settimane di viaggio il protagonista ed il suo compagno di viaggio si rendono conto che il pianeta è vivibile essendo presenti su di esso vegetazione, atmosfera ed oceani. Tuttavia nelle fasi di atterraggio della navicella qualcosa va storto, il collega di Glenn muore e lui viene tratto in salvo dall’EUROSEC trovandosi faccia a faccia con gli stessi uomini che avevano organizzato la missione. Essi appaiono, inoltre, convinti che egli non abbia portato a termine la missione che gli era stata affidata e lo sottopongono a continui interrogatori. Nel frattempo Glenn si rende conto che sulla terra qualcosa è cambiato e che tutto appare invertito (dalle scritte, leggibili solo se riflesse su uno specchio, all’interno dei corpi umani che qua hanno il cuore a destra, per arrivare anche alle componente elettroniche). Non ci vuole molto tempo perché il protagonista capisca di essere arrivato su una terra identica alla nostra ma dove tutto ne è una copia esatta ma rovesciata. Da qui partiranno una serie di eventi che porteranno lo spettatore verso il colpo di scena finale.

Nemo

Nemo è un ragazzo di 24 anni che studia al Dams di Udine che ha sede nella sua città natale, Gorizia. Si interessa sopratutto di film e fumetti e ascolta anche musica spaziando quando capita tra vari generi. Conosce Sagana e dopo qualche tempo decidono di cercare, stavolta assieme, di ridare lustro al blog di Culto Underground per salvare un buon progetto dalla decadenza e rimetterlo sui giusti binari