Recensione: Greetings From Terronia – Cat’s Zoo (2015)

421609_256550791085846_1627031719_n

Cari cultisti ben tornati ad una nuova recensione di Culto Underground! Oggi voglio parlarvi di Cat’s Zoo, ultima fatica dei Greetings From Terronia!

La band

I Greetings From Terronia si formano nel Marzo del 2010 per volontà del cantante Lorenzo “Lollo” Iero e del chitarrista Giacomo “Jack” Casile, già precedentemente soci nei Fuck simil3. Dalla loro sinergia musicale nascono 9 pezzi, arrangiati e perfezionati nei mesi successivi. Nell’Aprile dell’anno successivo esce “Algorithms For a No-Sense Violence“,primo lavoro ufficiale della band,registrato e mixato nello studio “Lex Audiolab“. A Settembre dello stesso anno entra a far parte della band come bassista Antonio “Oley” Ielo ed il mese successivo si aggiungono alla band Domenico Amadeo(chitarra ritmica) e Carlo Tripepi (batteria),così da completare la line up. Dopo il biennio 2011/2012 all’insegna delle esibizioni live nel Marzo 2013 la band torna in studio nei Lex Audiolab per incidere nuovo materiale con una rinnovata line up. Ed è da questo periodo di lavoro che nel Gennaio 2015 esce Cat’s Zoo il secondo lavoro della band e quello di cui parleremo oggi.

Il disco

Cat’s Zoo è un disco molto interessante che ha il pregio di colpire subito l’ascoltatore col suo mix di rock più classico con interessanti punte alternative. Sonorità molto interessanti che fondono sapientemente i vari strumenti, con un ottimo uso di batteria e chitarre che riescono bene nel compito di riempire perfettamente le tracce, e con un cantato che, passando da inglese ad italiano, accompagna l’ascoltatore in un viaggio musicale privo di cali. Molte le tracce interessanti in questo lavoro che hanno il pregio di non essere mai scontate o ridondanti, tra di esse certamente possiamo citare L’era Delle Zucche Giganti (un ottimo esempio di attitudine al rock duro), Whitness (dove possiamo sentire persino una punta di rock/punk) ed Andrew Leddis (una ballad in cui musica e testo creano un’ottima atmosfera, certamente il mio pezzo preferito del disco).

Conclusioni

In definitiva possiamo promuovere Cat’s Zoo a pieni voti. Nel momento in cui ascoltiamo questo disco ci troviamo davanti ad un lavoro molto ben fatto, ben suonato e mai banale. Un disco che ha il pregio di essere molto saldo e costante a livello musicale e di testi senza mai andare a perdersi. Insomma chi ancora non conosce i Greetings From Terronia faccia in fretta a rimediare, avrà certamente delle buone sorprese e si ritroverà tra le mani un disco di un gruppo che merita sicuramente di essere ascoltato e seguito.

Voto: 8 / 10

Contatti

Nemo

Nemo è un ragazzo di 24 anni che studia al Dams di Udine che ha sede nella sua città natale, Gorizia. Si interessa sopratutto di film e fumetti e ascolta anche musica spaziando quando capita tra vari generi. Conosce Sagana e dopo qualche tempo decidono di cercare, stavolta assieme, di ridare lustro al blog di Culto Underground per salvare un buon progetto dalla decadenza e rimetterlo sui giusti binari