Recensione: Nozion ~ Tiempos De Revoluzion

tiempos de revolution cover

 

Carissimi lettori e lettrici di Culto Underground, finalmente è giunto il momento di aggiornarvi con una recensione strappa mutande. Questo articolo vede recensire un disco del 2006, della serie non è mai troppo tardi!. Assolutamente emozionato nello scrivere i miei pensieri e le mie opinioni a riguardo di un disco che ha fortemente condizionato il mio percorso musicale. Il disco che andiamo a sviscerare insieme quest’oggi si intitola “TIEMPOS DE REVOLUZION”, del gruppo cileno Nozion.

Qualche premessa

I Nozion sono formati da Felipe Gaymer (Voce), Ricardo Contador (Basso), Paulo Parise (Chitarra), Ivan Santana (Chitarra)e Jose Luis (Batteria e Cori), band attiva nel panorama Metal/Hc Sud Americano, proveniente da Santiago Del Chile. Quello che mi ha colpito più di tutto del loro primo lavoro ufficiale è l’immediatezza con cui le canzoni arrivano all’ascoltatore e la potenza di tutto questo mini cd, composto da sei tracce più intro. Già dal primo ascolto è impossibile non restare stupefatti dal lavoro che questi ragazzi hanno saputo fare, coinvolgendo l’ascoltatore in ritmiche rabbiose, liriche mai uguali, sempre mescolando fra loro matrici di generi differenti: Metalcore, Nu-metal, Rock alternative e per finire la componente preponderante, l’ Hardcore.

Tiempos De Revoluzion

Parliamoci chiaro: ci sono i maestri del genere, i gruppi sopravvalutati e infine vengono tutte quelle realtà artistiche che meritano maggiore attenzione da parte del pubblico e “Tiempos De Revoluzion” è proprio uno di questi casi!. Un disco che, per quanto mi riguarda, ha un unico difetto: l’intro. Assolutamente anonimo, non contestualizzato col resto del disco, che invece è strutturato magistralmente, sia musicalmente sia dal punto di vista grafico. Ogni traccia, oltre ad essere una manata in faccia, è presentata da una confezione dettagliata, con un libretto sul quale troviamo i ringraziamenti, i testi e varie frasi che inneggiano alla rivoluzione, una rivoluzione di coscienza non necessariamente violenta.

Fantastico dunque, questi non si sparano le pose, questi fanno Musica per persone normali, questo è il messaggio che trasuda dal disco. Ma andiamo con più ordine, come dicevo, la prima traccia di una trentina di secondi, è scomoda, non dice nulla, per fortuna passa svelta. Eccoci entrare nel disco vero e proprio. Con “BASTA!” i Nozion ci introducono nel loro vortice di chitarre distorte, doppio pedale, voci strozzate e groove sincopati. Una canzone reazionaria, non ti dice “distruggiti”, ti dice “ricomincia, impegnati nonostante non sia facile la vita”. Se fosse questo il preludio del disco sarei stato entusiasta. Arriviamo alla seconda traccia, altra bordata, tiene alto il ritmo del disco “NUNCA MAS”, veniamo catapultati nella traccia più Death metal del disco, è incredibile quanto invece di cadere nei cliché del genere, comunque il messaggio della canzone resti positivo ed in grado di far riflettere l’ascoltatore. Wow!. Con la traccia successiva, definitivamente, ci conciano per le feste: “BORED BY DA VIOLENCE. Un inno alla deficienza di chi pensa di poter usare la violenza per risolvere i problemi, il tutto condito da una ritmica veloce, arrabbiata ma non stucchevole. Questa è anche la traccia più corta del disco. Il disco prosegue con la sua ricerca di libertà, pare dare all’ascoltatore la convinzione di non essere solo con le sue frustrazioni, quasi i Nozion vogliano comunicarci la loro necessità di stare più a contatto con gli ascoltatori, fantastico!!!. Anche “CONTRADICCION mi ha lasciato soddisfatto, zero superficialità ed un sacco di fotta positiva. Vorremo mica capire che non serve essere delle fighette per credere in un modello sociale positivo, per esseri umani e per gli esseri viventi in generale?!?. Le tracce successive, rispettivamente “CONTROL” e “FUEGO”, non deludono mai le aspettative. Testi pregni di significato, musica elaborata e veloce, capace di catturare l’attenzione.

Da segnalare il ritornello melodico di “CONTROL”, riuscitissimo pur senza strabiliare. Si arriva alla fine del disco carichi di adrenalina, dispiaciuti per la relativa brevità del disco, diciamolo pure, altre 4 tracce avrebbero reso questo disco un capolavoro assoluto. Forse per questo i Nozion ci regalano l’ultimo sprazzo di energia con una traccia fantasma, da dire che la qualità audio di quest’ ultima traccia è leggermente inferiore rispetto alle altre. Voi direte: “beh, positivo, un bel disco da ordinare ed aver ma nulla di più”. Mai un asserzione fu più sbagliata, i Nozion infatti decidono di metterci anche la ciliegina sopra la torta, il cd è anche un Enhanced disc. Inserendo il disco nel computer potrete gustare i video di tre canzoni, suonate da loro in sala prove. Questo elemento permette di carpirne anche la potenza dal profilo “Live”, anche se un concerto renderebbe maggiore giustizia in tal proposito. Inoltre troverete anche i testi delle canzoni in formato digitale.

Follow me

Andrea Tomasella

Laureato in Sociologia per il Territorio e lo Sviluppo all’Università di Trieste, è referente del Gruppo Comunicazione del Punto Giovani di Gorizia. Scrive per la webzine di arte underground “Culto Underground”, collabora con il mensile di promozione sociale "Social News" e con il settimanale sportivo "City Sport". Attraverso il suo blog si racconta ed esprime opinioni (sempre personali).
Follow me