Recensione: Oltrezona – Reborn (2015)

0005911364_10

Carissimi lettori e lettrici, oggi vi proponiamo una nuovissima recensione! Parleremo di “Reborn“, il nuovo album degli Oltrezona. Continuate a leggere per saperne di più.

Biografia

Gli Oltrezona sono un gruppo metal/hardcore proveniente da Venezia (Italia), formatosi nel 1999 e con all’attivo 4 dischi in studio, svariati singoli e decine di concerti in Italia e all’estero.
I componenti che danno vita agli OZ sono: SKI (voce), Sparta e Goro (chitarre), Lord (basso) e Sanchez (batteria). Tutti e cinque provengono da esperienze musicali molto differenti, il che rende la loro musica un mix letale di riff thrash, ritmiche sincopate e voce hardcore.

Recensione

Reborn è un album musicale fortemente improntato verso le dinamiche dell’hardcore e del metal, con alcune sonorità che rimandano al crossover e allo slam. Dal primo ascolto in poi, l’ascoltatore è trascinato con la forza in un’atmosfera naturalmente alternativa, che ha molto da spartire con il passato degli OZ ma che presenta anche alcune novità.
Con Reborn, gli OZ si sono spinti verso atmosfere più pesanti rispetto al passato e di sicuro il nuovo cantante SKI ha influito a tal proposito. Con la sua voce, il sound degli OZ si è rimesso sui giusti binari, permettendo alla band un’evoluzione positiva, fresca e che suona spontanea.
Il disco comincia con un’introduzione di circa un minuto, poi il ritmo inizia ad aumentare con le canzoni Slaves of hypocrisy e Range and life, dai testi introspettivi e rivolti verso la società e dai suoni che pescano a piene mani dal repertorio del metal/hardcore.
Si prosegue con Time is gone e Cursed, che tengono altissimi i ritmi del disco, per poi concludere con le ottime Loveless e Undergrounds of the mind, quest’ultima un tripudio di potenza e personalità che conclude benissimo il disco.

[banner network=”altervista” size=”468X60″]

Conclusioni

Questo Reborn è davvero un bel disco, veloce e appassionante, che è stato curato minuziosamente sia nella produzione sia per quanto riguarda l’aspetto visivo.
La tracklist è ben congeniata e tutte le canzoni hanno testi scritti in inglese, in futuro saremo curiosi di ascoltare come se la caverà SKI con la lingua madre.
Nel complesso gli OZ hanno dato prova, ancora una volta, di essere uno dei pilastri della scena HC in Italia, con personalità, bravura, costanza e determinazione da vendere. Per tutti questi motivi, consigliamo questo disco e continueremo a seguire la band per raccontarvi tutte le evoluzioni e le novità a riguardo.

Voto: 9 / 10

 

Contatti

Facebook: facebook.com/oltrezona

Twitter: twitter.com/OltrezonaBand

Bandcamp: oltrezona.bandcamp.com

Instagram: instagram.com/oltrezona

Youtube: youtube.com/OltrezonaOfficial

Follow me

Andrea Tomasella

Laureato in Sociologia per il Territorio e lo Sviluppo all’Università di Trieste, è referente del Gruppo Comunicazione del Punto Giovani di Gorizia. Scrive per la webzine di arte underground “Culto Underground”, collabora con il mensile di promozione sociale "Social News" e con il settimanale sportivo "City Sport". Attraverso il suo blog si racconta ed esprime opinioni (sempre personali).
Follow me