Recensione: Oscar di Mondogemello – Miele (2015)

a0663588394_16

Bentrovati cari cultisti per una nuova recensione dal sottosuolo musicale italiano. Oggi parliamo di una one man band del nord Italia: Oscar di Mondogemello.
La Band

Ivan Borsari, in arte Oscar di Mondogemello, è un musicista indipendente del modenese. Cantautore con un passato da batterista, ora con l’aiuto di loop station, synth e chitarra semi-acustica suona un mix di alternative pop e post rock lo-fi.

Il Disco

Miele” è il secondo Ep di Oscar, seguito del suo primo Ep omonimo, entrambi usciti a distanza di qualche mese nel 2015.

L’Ep viene registrato a casa ed ha un suono personale ed intimo, meno rock-stoner, se vogliamo, rispetto al primo Ep. È un lavoro breve ma intenso che presenta ottimamente questo artista in divenire, che, con i suoi mezzi ridotti all’essenziale, riesce a creare brani emotivamente intensi e completi al tempo stesso.

“Miele” si compone di 4 tracce : Hai da scrivere?, Il tempo che vuoi, e due versioni di Vola, una normale ed una in tape version.

Sono tracce intime, talvolta ruvide e talvolta estatiche, con un diffuso velo di malinconia e dal sapore agrodolce. Belle le melodie e l’arrangiamento dei brani attraverso i quali l’artista dipinge atmosfere sognanti ed emozionali sostenute da ritmi spogliati fino all’osso ma sostanziali.

Contatti:

Facebook: http://www.facebook.com/oscardimondogemello
Bandcamp: http://oscardmg.bandcamp.com/

Review by: ilmistico

Related articles across the web

Nemo

Nemo è un ragazzo di 24 anni che studia al Dams di Udine che ha sede nella sua città natale, Gorizia. Si interessa sopratutto di film e fumetti e ascolta anche musica spaziando quando capita tra vari generi. Conosce Sagana e dopo qualche tempo decidono di cercare, stavolta assieme, di ridare lustro al blog di Culto Underground per salvare un buon progetto dalla decadenza e rimetterlo sui giusti binari