RECENSIONE “SCUSATE PER IL SANGUE” DEI TEMPESTA

Voto 6/10

Ben tornati amici di Culto Underground, una nuova attività è stata intrapresa in questi giorni, utile alla recensione di un cd musicale. Ringraziando il bassista della band, Carlo Rota, il quale ha fatto pervenire alla nostra redazione un loro disco. Andiamo con ordine a scrivere di questo disco.

La band in questione “TEMPESTA”, formata dal trio Alessandro Longo (batteria), Carlo Rota (basso), Fulvio Sain (chitarra e voce), si presenta con un cd in confezione di plastica rigida ed un’ottima grafica. Da subito è possibile comprendere una chiara vena critica a poteri forti, di lobby e interessi particolaristici. La seconda di copertina introduce a tutti i testi delle canzoni, undici nel totale. Ad ogni pagina, con scritti uno o due testi, corrisponde un’immagine di background. Notata l’unica foto del gruppo, sull’ultima pagina del libretto con anche tutti i contatti della band, e sfilato il cd, ancora un’immagine forte cattura l’attenzione, infatti numerose banconote ricoperte di sangue fanno da sfondo della confezione. Risolta la curiosità del confezionamento del prodotto, la musica è pronta a farsi ascoltare.
Il cd parte con CROLLERA’ IL CIELO e da subito il terzetto, con  l’ energia della musica legittimata anche dall’esperienza più che decennale della band, incalza. Il brano si fa ascoltare e scorre piacevole, complice anche la discreta qualità dell’audio. Il brano presenta una struttura regolare, come anche SCUSATE PER IL SANGUE, traccia che prende il titolo dell’album. Il cd prosegue sempre su livelli buoni, i testi rappresentano a pieno la consapevolezza di una certa pregnanza del contenuto, rivolgendosi al pubblico chiari e coincisi. Il cd prosegue con IDOCRACY, IMPERI DI SABBIA e I CANI DEL PADRONE, brani che trasportano l’ascoltatore su temi attuali riguardanti la mala politica, le classi sociali disagiate ed anche al valore della condivisione delle idee. E’ con LA PAURA DEL DIVERSO che la band spinge un po’ più forte, sfruttando la pregevole musica, che per l’intera durata del cd è arrangiata e contraddistinta dalla qualità audio tipica di prodotti commerciali più blasonati, affronta temi come quelli dell’ uguaglianza e dell’ antropocentrismo. Il cd prosegue con LA LEGGE E’ UGUALE PER TUTTI, NON SIAMO NUMERI, RADICI NEL CEMENTO, MENTRE TU DORMI e infine con SPARAMI SUL VISO. Sono tutti brani consigliati all’ascolto perché meritevoli sotto tutti gli aspetti.

Pensando a lungo su cosa aggiungere, resta una critica, alle strutture delle canzoni, forse fra l’altro l’unico neo del disco, risultano molto simili fra loro. Non che sia un male, ma sarebbe stato originale ascoltare anche una o due tracce nel disco, aventi una personalità meno ancorata all’identità del gruppo, che rischia di ripetersi un po’ troppo.

Tempesta “Crollera’ il cielo” VIDEO UFFICIALE

Contatti della band: www.tempestband.it / Warner Chappell Music / INFO@TEMPESTABAND.IT
Managment: INFO@ALKEMIST-FANATIX.COM

Follow me

Andrea Tomasella

Laureato in Sociologia per il Territorio e lo Sviluppo all’Università di Trieste, è referente del Gruppo Comunicazione del Punto Giovani di Gorizia. Scrive per la webzine di arte underground “Culto Underground”, collabora con il mensile di promozione sociale "Social News" e con il settimanale sportivo "City Sport". Attraverso il suo blog si racconta ed esprime opinioni (sempre personali).
Follow me