Recensione: Sky di Noboru Rokuda

[post-slideshow]

Voto 7,5/10

Bentornati amici di culto con una nuova recensione! Anche stavolta ci immergiamo nel mondo del manga parlando di Sky, manga in volume unico di Noboru Rokuda, autore di culto conosciuto ai più per essere il creatore di Gigi la trottola, il cui concept è l’amore dell’uomo per il volo.
Ma bando alle ciance e andiamo a vedere l’opera un po più nel dettaglio!

Qualche cenno sull’autore

Noboru Rokuda nasce nel Luglio del 1952 nel pressi di Osaka. Fin da ragazzo si dedica al disegno arrivando nel 1979 a pubblicare la sua prima opera:”Dash Kappei” meglio noto in Italia come “Gigi la trottola”. Sarà proprio quest’opera a consacrarlo fin da subito nell’olimpo dei grandi autori in Giappone e a fargli da apri pista per le opere successive tra cui ricordiamo il più famoso “F- motori in pista”, Sky e Ganon – La spada assassina di Juryoku.
Ancora attivo nel campo del manga la sua ultima opera, Billy the kid – 21 albums- è datata 2008

L’opera

Come già detto l’opera è legata all’amore che l’uomo prova innatamente per il volo, ed è proprio questo il filo che lega tutti i quattro racconti che formano il volume. Parliamo brevemente di ognuno di essi:

Primo racconto: Sky
Storia che da il titolo al volume è ambientata tra le due guerre parla di Eddie, vigile del fuoco che chiede alla sua ragazza di sposarlo, ma lei è resa titubante dai racconti dell’ infanzia del ragazzo, infatti suo padre, pilota acrobatico, coinvolgendolo nei suoi numeri lo metteva a rischio di vita. Una visita al villaggio natale del fidanzato sarà la prova del nove per il futuro dei due.

Secondo racconto: Plaything of the orphans – I giocattoli degli orfani
Questo racconto è invece ambientato durante la prima guerra mondiale. Il protagonista, Richard, ha perso una gamba in battaglia e adesso, tornato a casa, viene seguito nella sua convalescenza da Susan, amica di infanzia di cui è innamorato. Questo suo amore ha però un rivale, almeno a livello morale, Albert, fratello maggiore di Susan e aviatore nell’esercito con cui ha un rapporto di amicizia e rivalità. Alla fine Richard sfiderà in una gara in moto Albert per riuscire ad ottenere la sua benedizione per l’unione con la sorella.

Terzo racconto:Seven Days – I sette giorni
Ambientato durante la seconda guerra mondiale parla di tre ragazzi destinati a essere kamikaze che sono innamorati e ricambiati nell’amore dalla stessa ragazza. Un triangolo amoroso arricchito dalla coscienza del fato segnato dei tre ragazzi persi in un amore che non potrà portare a nulla, il mio racconto preferito e quello che mi ha toccato di più

Quarto racconto – Friend
Nel quarto racconto è ambientato in un imprecisato futuro in cui Aldrin, che studia per poter diventare astronauta a Miami incontra un giorno il bizzarro Leonardo che dice di provenire da Marte. L’incredulità del protagonista e il comportamento del “marziano” porteranno a varie vicissitudini che ci accompagneranno all’inaspettato finale.

In generale i vari racconti si fanno leggere con leggerezza anche dove possiamo trovare degli spunti più impegnativi. Punto forte è il disegno, vecchio stile ma davvero apprezzabile e dettagliato, sopratutto nelle particolarità degli aerei e degli sfondi (riscontrabile sopratutto nelle scene di volo). C’è da dire che certe storie facciano fatica ad ingranare ma nel generale l’opera di lascia leggere con tranquillità e interesse. Punto interessante è che i vari racconti sono illustrati in bicromia (due in bianco e verde e due in bianco e rosso), sotterfugio che fa piacere per rompere ogni tanto dal solito bianco e nero dei manga.

Conclusioni

Devo ammetterlo, ho preso Sky quasi per caso, in fondo a una pila di vari fumetti su una bancarella di un mercatino che non ricordo nemmeno dov’era, ma mi sono trovato davanti a una piacevole lettura che mischia situazioni più leggere a temi di maggiore intensità. Il manga edito in Italia dalla Star Comics è in una buona edizione con un discreto rapporto qualità prezzo e in tutta sincerità mi sento di consigliarvelo, al suo interno troverete quattro storie dove amicizia, amore , sogni, vita e morte sono ottimamente descritte e integrate nelle storie. Unico difetto è che certi racconti possono risultare pesanti nello svolgimento e nelle parti iniziali, problemi che non pesano troppo comunque di fronte all’ottima fattura generale delle storie.

Nemo

Nemo è un ragazzo di 24 anni che studia al Dams di Udine che ha sede nella sua città natale, Gorizia. Si interessa sopratutto di film e fumetti e ascolta anche musica spaziando quando capita tra vari generi. Conosce Sagana e dopo qualche tempo decidono di cercare, stavolta assieme, di ridare lustro al blog di Culto Underground per salvare un buon progetto dalla decadenza e rimetterlo sui giusti binari