Recensione: Tre Millimetri Al Giorno di Richard Matheson (1956)

Cari cultisti benvenuti alla prima recensione del 2017! Tre Millimetri al Giorno di Richard Matheson è un classico della fantascienza ed è il libro di cui oggi voglio parlarvi.

L’autore

Richard Matheson nasce ad Allendale nel Febbraio del 1926 ma passa l’infanzia a Brooklyn. Già ad otto anni pubblica alcune poesie su un giornale e nel 1950 pubblica il suo primo racconto. Negli anni successivi lavora in fabbrica, lavorando il giorno e scrivendo la notte. È proprio in questo periodo quello in cui scrive due delle sue opere più famose Io Sono Leggenda (1954) e Tre Millimetri al Giorno (1956). Grazie all’incredibile successo da quest’ultimo verrà subito tratto il film Radiazioni BX: Distruzione Uomo di Jack Arnold. Nei decenni successivi Matheson produrrà diverse opere letterarie e svariati adattamenti dei suoi film in sceneggiature. Col tempo la sua attività di romanziere diviene più sporadica mentre continua quella di sceneggiatore. Tra quelle più importanti possiamo citare l’adattamento per la televisione di Cronache Marziane di Ray Bradbury e la collaborazione alla stesura di Lo Squalo 3. Nel 1996 firma la sua ultima sceneggiatura, quella di The Trilogy Of Terror 2 mentre l’attività di romanziere, anche se sporadicamente continuerà negli aanni successivi. Muore nel Giugno del 2013 a Los Angeles.

L’opera

Scott Carrey è impegnato in una piacevole gita in barca quando viene colpito da una nube radioattiva. Qualche giorno dopo scoprirà con terrore che da quel giorno si sta rimpicciolendo, senza interruzioni, di tre millimetri al giorno. Il romanzo, strutturato in una serie di flashback, racconta la sua vita e le sue vicissitudini negli ultimi tre giorni prima di perdere gli ultimi millimetri, arrivando quindi alla dimensione zero, alternandoli alla storia del suo progressivo rimpicciolimento e di come esso abbia, di fatto, mandato a rotoli la sua vita ed i suoi rapporti con moglie, figlia ed amici. La struttura del racconto mostra le sua lotta per la sopravvivenza, confinato all’insaputa di tutti nello scantinato della sua stessa casa, ai momenti di vita normale che diventa sempre più dura soffermandosi sulle sue frustrazioni dovute a quello che gli sta accadendo, alla sua difficoltà di conviverci e conseguentemente al porsi verso le persone che gli sono sempre state vicine.

Nemo

Nemo è un ragazzo di 24 anni che studia al Dams di Udine che ha sede nella sua città natale, Gorizia. Si interessa sopratutto di film e fumetti e ascolta anche musica spaziando quando capita tra vari generi. Conosce Sagana e dopo qualche tempo decidono di cercare, stavolta assieme, di ridare lustro al blog di Culto Underground per salvare un buon progetto dalla decadenza e rimetterlo sui giusti binari